Never get so attached to a poem you forget truth that lacks lyricism - J. Newsom

Trovare casa a Berlino #4 – In quale zona cercare

Posted: November 30th, 2011 | Author: | Filed under: Berlino, consigli, trovarecasa, wg-gesucht | Tags: , , , , | Comments Off

Nelle scorse settimane vi ho fornito fior fiore di risorse online per mettervi a cercare una stanza (o volendo anche un appartamento) a Berlino. Prima di iniziare con la ricerca di casa vera e propria, però, sarebbe bene avere chiare in testa le caratteristiche che questa fantomatica stanza dovrebbe avere, quelle che non dovrebbe avere e quelle che vi piacerebbero ma a su cui siete disposti a chiudere un occhio.

Credo che la prima domanda a cui rispondere sia Dove voglio vivere? Qualche giorno fa Andrea D’Addio ha scritto un articolo per Zingarate in cui dava ottimi (e lungimiranti) consigli sulle zone strategiche di Berlino in cui conviene comprare casa. L’articolo è rivolto ovviamente a chi intende fare un investimento sul lungo periodo e vivere a Berlino nei secoli dei secoli fino all’ora della sua morte amen, mentre la mia mini-guida è pensata più per gli sfigati come me che non sanno nemmeno cosa mangeranno a colazione domani (il che mi ricorda che ho finito le merendine Balconi, la mia nuova droga, ma questa è un’altra storia).

Come regola generale direi che è sempre molto comodo trovare casa vicino al proprio luogo di lavoro/studio. Se è vero che i trasporti pubblici di Berlino spaccano il minuto ed è possibile arrivare davvero dappertutto senza servirsi di Taxi o automobile, è anche vero che Berlino è una città molto grande e spostarsi richiede tempo, senza contare che quando ci sono 10 gradi sottozero stare all’aria aperta non è proprio il massimo della giuoia.

Valutazioni pratiche a parte, ogni quartiere di Berlino ha una personalità e un’anima proprie (tipo le case di Hogwarts) e per capire quale sia più conforme al vostro gusto non vi resta che viverli in prima persona. Io, ad esempio, ho un debole per Friedrichshain (un’area piena di locali ma anche molto “ordinata”) mentre trovo brutta Schoeneberg (tradizionalmente il quartiere gay di Berlino).