Never get so attached to a poem you forget truth that lacks lyricism - J. Newsom

Trovare casa a Berlino #8 – Epic mail

Posted: March 16th, 2012 | Author: | Filed under: Berlino, trovarecasa, wg-gesucht | Tags: , , , , , | 11 Comments »

Ciao a tutti i telespettatori aspiranti berlinesi che leggono la mia guida su come trovare casa a Berlino. Dopo l’ultima puntata dovreste essere in grado di individuare in modo rapido e indolore un annuncio interessante all’interno di siti per la ricerca di una stanza come WG-Gesucht.

Ora che avete l’annuncio della vostra potenziale futura stanza davanti agli occhi, non vi resta che rispondere. Ma come? Quali sono i DOs and DONTs nell’approcciare i vostri potenziali coinquilini?

Prima di tutto occorre capire in che lingua volete scrivere. Visto che non siete alla ricerca di appartamenti in affitto a Milano ma di una stanza a Berlino, escludiamo fin da subito l’italiano. Se le vostre skill linguistiche ve lo permettono è ovviamente preferibile cimentarsi nel tedesco. Una mail in tedesco, anche se semplice e con qualche errore, chiarisce subito che siete propensi a imparare la lingua e in grado di parlarla durante la vita quotidiana. Se invece siete ancora indietro con l’apprendimento e incapaci di sostenere conversazioni che esulano dal Wie ist das Wetter? – Das Wetter ist schlecht il mio consiglio è di lasciare perdere; meglio chiarire subito che, almeno per un po’, la vostra lingua in casa sarà l’inglese e i coinquilini dovranno per forza di cose adattarsi.

Il testo della prima mail è il più importante di tutti: per non essere cestinati occorre distinguersi dalla massa  e al tempo stesso non essere boriosi. Bisogna trovare il modo di presentarsi in modo da sembrare persone interessanti, ma al tempo stesso evitare di ammorbare il lettore con lunghi, autocelebrativi discorsi sui propri trascorsi e sulle proprie qualità. Tenete a mente che questo non è un colloquio di lavoro e la mail non deve assomigliare a un curriculum vitae. Siate semplici, simpatici (ma non troppo simpatici) e mettete in chiaro, se le avete, eventuali esigenze o richieste particolari legate alla vostra permanenza in casa.

Riporto di seguito il testo della mail che ho usato nell’ultima ricerca di una stanza.

Hey,

my name is Federico and i’m an italian 27 y/o boy currently living in Berlin and working in the marketing field. I’ve been here seven months already: after the magical (meaning “boring”) winter among the trees of Treptow and the surprising (meaning “it-rains-all-the-time”) summer i’m spending in Wedding, it’s now time to move to another place. Hopefully, YOUR place! :) I’d like to stay in Berlin at least six months/one year, so i’m looking for a permanent place to live in; I like your area, and i’m definitely interested in this Anzeige. I’ve been studying German for the past 5 months and, although i’m still at the beginning, i’m making progress. I like music, concerts, movies, writing, art, food, i don’t smoke and…well, i’m friendly!

Hope to hear from you soon,

Federico


Trovare casa a Berlino #6 – Documenti

Posted: January 13th, 2012 | Author: | Filed under: Berlino, consigli, trovarecasa, wg-gesucht | Tags: , , , , | 3 Comments »

Visto che la mia guida su come trovare una stanza a Berlino si sta trasformando in una generica guida su come trovare casa a Berlino, ecco un capitolo rivolto principalmente a chi un appartamento lo vuole affittare. In questo caso la leggendaria e temibile burocrazia tedesca impone di presentare una serie di documenti nel momento in cui ci si propone come potenziali affittuari di un appartamento a Berlino. Può essere che alcuni di questi documenti vengano richiesti anche a chi subaffitta una stanza; è più raro, ma mi è capitato di leggere annunci su WG-Gesucht che richiedessero una o più di queste scartoffie dai nomi spaventosi.

  • SCHUFA – È un documento che attesta che non avete debiti. Costa 18 Euro (che vi verranno addebitati sul vostro conto corrente) e può essere fatto su internet o recandosi presso uno dei numerosi uffici di Easycredit.
  • ANMELDUNG – Il documento (da fare entro un mese dal trasferimento a Berlino) che attesta la vostra residenza in città e il vostro attuale indirizzo. Il documento può essere richiesto in uno qualsiasi dei Buergeramt di Berlino e deve essere fatto anche se siete temporaneamente a casa di un amico: è il punto di partenza per ogni altro step burocratico legato alla vostra vita in città.
  • MIETSCHULDENFREIHEITERKLÄRUNG – Un documento da far firmare al vostro attuale padrone di casa in cui si dichiara che avete pagato regolarmente l’affitto per tutti i mesi di permanenza. Una rapida ricerca su Google mostra che online sono presenti diversi moduli pronti: scegliete quello che fa al caso vostro e il gioco è fatto.
  • Ultime tre buste paga+contratto di lavoro o in alternativa, se non avete un lavoro, è altamente consigliabile presentarsi con il
    Bürgschaftserklärung, un documento in cui una persona che conoscete si impegna a pagare l’affitto per voi nel caso non riusciate a farlo da soli. Che sia un amico o i vostri genitori, sarebbe meglio consegnare anche una prova che la persona che garantisce per voi abbia un reddito (quindi, di nuovo, fotocopia delle ultime buste paga o dell’estratto conto bancario).
  • Fotocopia dei propri documenti di identità: la cosa reperibile nel modo più indolore.

 


Trovare casa a Berlino #4 – In quale zona cercare

Posted: November 30th, 2011 | Author: | Filed under: Berlino, consigli, trovarecasa, wg-gesucht | Tags: , , , , | Comments Off

Nelle scorse settimane vi ho fornito fior fiore di risorse online per mettervi a cercare una stanza (o volendo anche un appartamento) a Berlino. Prima di iniziare con la ricerca di casa vera e propria, però, sarebbe bene avere chiare in testa le caratteristiche che questa fantomatica stanza dovrebbe avere, quelle che non dovrebbe avere e quelle che vi piacerebbero ma a su cui siete disposti a chiudere un occhio.

Credo che la prima domanda a cui rispondere sia Dove voglio vivere? Qualche giorno fa Andrea D’Addio ha scritto un articolo per Zingarate in cui dava ottimi (e lungimiranti) consigli sulle zone strategiche di Berlino in cui conviene comprare casa. L’articolo è rivolto ovviamente a chi intende fare un investimento sul lungo periodo e vivere a Berlino nei secoli dei secoli fino all’ora della sua morte amen, mentre la mia mini-guida è pensata più per gli sfigati come me che non sanno nemmeno cosa mangeranno a colazione domani (il che mi ricorda che ho finito le merendine Balconi, la mia nuova droga, ma questa è un’altra storia).

Come regola generale direi che è sempre molto comodo trovare casa vicino al proprio luogo di lavoro/studio. Se è vero che i trasporti pubblici di Berlino spaccano il minuto ed è possibile arrivare davvero dappertutto senza servirsi di Taxi o automobile, è anche vero che Berlino è una città molto grande e spostarsi richiede tempo, senza contare che quando ci sono 10 gradi sottozero stare all’aria aperta non è proprio il massimo della giuoia.

Valutazioni pratiche a parte, ogni quartiere di Berlino ha una personalità e un’anima proprie (tipo le case di Hogwarts) e per capire quale sia più conforme al vostro gusto non vi resta che viverli in prima persona. Io, ad esempio, ho un debole per Friedrichshain (un’area piena di locali ma anche molto “ordinata”) mentre trovo brutta Schoeneberg (tradizionalmente il quartiere gay di Berlino).